lunedì 27 luglio 2015

Luna e Gaia cercano casa insieme [Evento Facebook]




Buonasera a tutti e bentornati sul blog. Post alquanto diverso quello di oggi. Non si parlerà né di make up, né di libri.
Vorremmo condividere con voi un evento di facebook, creato dalla nostra follower Chiara.

Questo evento nasce con la speranza di trovare una bella casa a queste due sorelline... vogliamo un'adozione di coppia perchè sono nate e cresciute insieme.. non si sono MAI separate. Ci risparmiamo i dettagli della loro vita travagliata e delle pessime persone coinvolte nella loro storia.. speriamo di riuscire a dimenticarcene tutti.
CHIEDIAMO SOLO CONDIVISIONI.. TANTI INVITI E CONDIVISIONI. GRAZIE

La pagina fb per partecipare e condividere è la seguente:

https://www.facebook.com/events/532746083544723/

Luna e Gaia sono due sorelline stupende abituate a vivere in casa, simpaticissime e molto affettuose. Dopo 12 anni di vita in casa per loro non c'era più posto, ora sono in stallo da volontaria in Trentino in attesa di adozione, questa volta per sempre. Si affidano vaccinate, sterilizzate, testate fiv felv negative. Sono molto educate e tranquille e compatibili con altri gatti e con cani. Si affidano previa compilazione del questionario e visita di preaffido e post affido.

Per informazioni:LADAONLUS@GMAIL.COM
telefono 3668009068 - 3484962196


Vi ringraziamo tutti per l'attenzione e per tutte le condivisioni che vorrete fare.
Qui non si tratta di inviare soldi, ma solo di condividere. Luna e Gaia cercano casa da troppo tempo. Sarebbe meraviglioso poterle finalmente aiutare trovando loro una casa fissa e qualcuno che le ami.

Grazie a tutti.

BlackCherry e Lady8Dark

lunedì 20 luglio 2015

[Beauty] Strisce Depilatorie Viso – Lycia vs. Veet

Buongiorno a tutti e buon Lunedì!
Lasciando da parte il discorso che fa decisamente un caldo atroce, colgo l'occasione per ringraziare tutti i nuovi iscritti sul nostro blog e sulla pagina. Abbiamo raggiunto da poco i 100 lettori sul blog e i 368 mi piace sulla pagina.
Per noi sono traguardi decisamente importanti e quindi vi ringraziamo, uno per uno.

Come ogni lunedì iniziamo la settimana con una recensione e questa volta parliamo dei brutti -bruttissimi- peli sul viso, da sempre una croce per noi donne. Qualcuna viene graziata e nasce senza troppa peluria, altre invece devono depilarsi costantemente per non sembrare un uomo. “Donna barbuta sempre piaciuta”, dice il proverbio. Tralasciando studi e donne che dicono di usare il rasoio come fanno gli uomini (seriamente?), perché a detta loro la pelle risulta molto più liscia (oookaaay), parliamo di due prodotti per la depilazione e facciamo un confronto tra due note marche che si possono trovare al supermercato con molta facilità.

Prodotto: Strisce depilatorie per viso
Marca: Lycia
Confezione Lycia: 20 strisce depilatorie + 2 salviette post depilazione
Per: Pelli normali. Con cera d’api e olio di jojoba.
Marca:  Veet
Confezione Veet: 20 strisce depilatorie + 4 salviette post depilazione
Per: Pelli normali. Burro di Karitè e frutti rossi

La scelta di Veet inizialmente è stata fatta perché marca da sempre nel mondo della depilazione. Conosco altri prodotti e li ho trovati molto validi, anche se un po’ cari a livello di prezzo. Lycia invece è stata una scoperta nuova, beccata perché le strisce Veet erano finite ed erano pure scontate, anche se il prezzo era conveniente.
Le strisce Veet si presentano su carta opaca, di colore rosa mentre quelle Lycia sono su carta trasparente e non hanno colore, essendo trasparenti. Qui ho visto la prima differenza, non sostanziale: le strisce Lycia sono un pelino più spesse rispetto alla marca Veet, questo comporta che la striscia Veet va posizionata con una certa meticolosità, mentre quella Lycia è più facile da usare.
Entrambe vanno sfregate tra le mani per scaldare la cera e, una volta fatto, le due strisce vanno separate ed utilizzate. La seconda differenza è la tempistica: la striscia Veet si scalda più lentamente e il foglietto opaco si separa più velocemente, tanto che mi capitava di creare brutte orecchiette agli angoli della striscia che si spostavano, rendendo l’operazione un po’ complicata.

Sull’efficienza del prodotto nulla da dire: entrambe le marche non hanno bisogno di più strisce per avere la pelle liscia e dopo averle applicate lasciano la pelle liscia e perfettamente depilata.
Quello che forse fa la differenza è che le strisce Veet lasciano residui di cera più numerosi rispetto a quelle di Lycia. Altra cosa: nella confezione sono presenti delle salviettine imbevute per togliere i residui di cera, la confezione di Lycia ne contiene solamente due, Veet invece quattro. Quelle della prima è raro che le usi ma perché la cera rimasta riuscivo a toglierla con lo strappo completo della striscia, quelle rare volte però le ho trovate molto morbide, di una profumazione molto gradevole e imbevute il necessario per pulire la pelle (quando non uso la salvietta preferisco usare un goccio dell’olio Johanson’s). Le salviette di Veet invece sono molto sottili, di una carta un po’ ruvida e imbevute tantissimo nell’olio, tanto che dopo l’uso la pelle è praticamente unta. Altro punto a sfavore che la carta usata per le salviette risulta ruvida e a me ha arrossato la pelle.

Da qualche tempo a questa parte ho deciso di usare totalmente Lycia, che è il prodotto che vi consiglio a seguito della mia esperienza. Voi avete provato questa marca? Provato la Veet o altri prodotti di entrambe?
Come al solito fatemi sapere. Spero che questa recensione vi sia utile e ci vediamo Mercoledì!

L8D

venerdì 17 luglio 2015

Liebster Award [TAG]



Bentornati sul blog. Finalmente riusciamo a partecipare al tag Liebster Award che ha lo scopo di scoprire 10 blog con meno di 200 iscritti attraverso 10 domande.Noi siamo state taggate da Phoenix Make Up e Cherry Beauty Fashion. Ringraziamo entrambe per la loro gentilezza,per aver pensato a noi, ma soprattutto per la loro pazienza. E' passato un po' da quando siamo state
nominate (fa tanto Grande Fratello XD), ma impegni lavorativi ed universitari hanno occupato la maggior parte del nostro tempo. Ora però siamo qui e non volendo far torto a nessuna delle due, risponderemo a cinque domande poste da una e cinque dall'altra.
Le regole del tag sono poche e semplici:

-ringraziare il blog che ti ha nominata
-rispondere a 10 domande
-porre 10 domande
-scegliere 10 blog da nominare
-comunicare ai 10 blog la nomina

Le 10 domande a cui noi dovremo rispondere sono le seguenti.
Iniziamo con i quesiti posti da Phoenix Make Up.


Come è stato il tuo primo approccio con il make up?

BlackCherry: Traumatico. Ho iniziato all'età di 14/15 anni non perchè fossi particolarmente interessata al mondo del make up, ma per un fatto di necessità. L'unico mio desiderio era riuscire a trovare un buon fondotinta che mi aiutasse a mascherare le imperfezioni del viso. La passione totale per il make up è arrivata molto più tardi, verso i 19 anni.
Lady8Dark: Ho iniziato a conoscere il mondo del makeup all'età di 12/13 anni, in cui mi truccavo solo per occasioni specialissime (tipo cerimonie). I colori che usavo erano pastello, molto tenui e delicati, adatti ad una ragazzina della mia età; non conoscevo primer o fondotinta, applicavo il prodotto senza una base e spesso non durava tantissimo o rischiavo io di togliermelo quando mi stropicciavo l'occhio (mi ricordo ancora quando per un battesimo misi solo il blush rosato e un lucidalabbra che scomparve dopo il primo brindisi con l'acqua!). Poi ho iniziato a truccarmi un po' di più e scoprire prodotti: la matita nera divenne il must have, e veniva messa rigorosamente nella rima interna sotto l'occhio. Con buona pace dell'effetto occhiaia-nondormodasecoli assicurato.


Esci di casa completamente struccata o ti fai problemi?

BC: Mi faccio enormi problemi. Posso tranquillamente uscire senza ombretto o eyeliner. Ciò a cui non posso davvero rinunciare sono i  prodotti per la base viso, ovvero fondotinta, correttore, cipria e blush. Non sono nè sarò mai la ragazza dalla pelle perfetta che può permettersi il lusso di andare in giro completamente struccata.
L8D: Non mi faccio problemi ad uscire di casa struccata, soprattutto nel periodo dell'estate dove è proprio impossibile truccarsi o se devo fare una commissione vicino casa e non ho il tempo materiale per truccarmi. L'unica cosa a cui non rinuncio è ovviamente la cura della pelle: quindi prima di uscire mi lavo la faccia e mi metto una crema per il viso che mi da la sensazione di uscire con una pelle un po' curata e non sfatta e brutta.


 Di solito opti per un trucco naturale o più marcato?

BC: Mi trucco a seconda dell'occasione. Per il lavoro uso un trucco semplice, anche colorato, ma non esagerato. Per la sera o quando devo semplicemente uscire per divertimento, anche di giorno, do libero sfogo alla vena creativa.
L8D: Preferisco scegliere il trucco in base all'occasione. Se devo uscire la sera opto per colori marcati e brillanti, intensificando gli occhi o puntando sulle labbra con rossetti più carichi. Invece durante il giorno preferisco trucchi più naturali, con colori che variano nei toni del beige, crema e marrone, sfumati appena nell'angolo dell'occhio giusto per dare profondità e colore.



 Hai cambiato idea su qualcosa riguardante il make up da quando hai aperto il blog?

Entrambe: Più che idea ho capito l'importanza della cura della pelle -lo so, cito questa cosa di nuovo! Mi sono convinta che prendersi cura della propria pelle, curarla e tenerla pulita (nel senso di curare le imperfezioni, idratarla e conoscerla usando prodotti adatti alla tipologia -secca, grassa o mista), aiuta la fase trucco, che risalta meglio nei colori e nei prodotti che usiamo. Esempio pratico: perchè mettere chili e chili di fondotinta rischiando di ostruire i pori o creando l'antiestetico stacco collo/viso, quando è meglio capire il motivo delle imperfezioni? Ovviamente qui consiglio sempre, per i casi medici, di affidarsi a professionisti.


Preferisci le marche low o high cost?

Entrambe: Low cost. Decisamente. Non per niente è proprio su questa tipologia di marchio che si basa la filosofia del blog  http://larivincitadellerecensioni.blogspot.it/2012/09/il-trucco-cema-e-anti-crisi-make-up.html


E dopo le domande di trucco, abbiamo selezionato cinque domande da Cherry Beauty Fashion su argomenti generali.





Sei una collezionista? Se si, di cosa?

BC: Si. Di candele, ma non quelle profumate. Colleziono candele di ogni forma. Ne avrò più di un centinaio. Vi posto qualche foto affinchè possiate rendervi conto della situazione.




L8D: Peluche, adoro quelli di media e piccola misura, quelli piccoli spesso li uso come portachiavi (ma perchè così fanno volume e riesco a trovare tutto nella borsa), e poi colleziono tazze, adoro tantissimo quelle particolari o caratteristiche del luogo che visito.



Una cosa di te che non ti piace?

BC: La mia statura. Non mi dispiacerebbero 10 cm in più.
L8D: Le gambe.


Il tuo film preferito?

BC: Non ne ho uno in particolare, però ho un regista preferito e i suoi film sono in assoluto i miei preferiti. Il regista in questione è Alfred Hitchcock.
L8D: Aaah, domanda difficile. Purtroppo non ho un film preferito in assoluto, come non ho un libro preferito. Uno dei tanti film che non mi stancherei di rivedere è l'Attimo Fuggente, con Robin Williams e molti attori inglesi e non che all'epoca erano giovanissimi. Adoro il film, molto toccante ed emozionante.


Un viaggio che speri di fare

BC: Vorrei tanto poter vedere la Grande Muraglia Cinese, le Cascate del Niagara ed ovviamente il Giappone.
L8D: Ho moltissime idee. In primis mi piacerebbe visitare molte delle regioni italiane che ancora non ho visto e che meritano o che ho già visitato, tre su tutte l'Umbria, la Toscana (la mia regione preferita) e la Puglia. Mi piacerebbe tornare nuovamente a Napoli e non mi dispiacerebbe andare in Sicilia e in Sardegna. Parlando fuori dall'Italia invece Praga e Vienna per quanto riguarda l'Europa e un coast to coast negli Stati Uniti.



Hai un'icona alla quale ti ispiri?

BC: Ho sempre adorato lo stile di donne eccentriche come Grace Jones e Cher.
L8D: Al momento le mie icone di stile sono Rita Hayworth, protagonista nel ruolo dell'omonimo film Gilda, e Ginger Rogers. Adoro entrambe per lo stile e per la femminilità che rappresentano.


Le domande pensate per i 10 blog sono:


1. Cosa ti ha spinto ad aprire il tuo blog?
2. Il trattamento beauty a cui non rinunceresti per nulla al mondo (pulizia del viso, morning routine, evening routine, bagno profumato, ecc..)
3. E' tempo di vacanze. Dove le trascorrerai?
4. Da chi hai imparato a truccarti?
5. Qual è il brand cosmetico che prediligi?
6. Se potessi ritagliarti una lunga e riposante pausa, cosa faresti?
7. Che tipo di musica ti piace ascoltare?
8. Hai una frase/mantra che ti ripeti ogni mattina per affrontare la giornata?
9. Qual è il libro più bello che hai letto negli ultimi tempi?
10. Hai a disposizione una macchina del tempo. In quale epoca torneresti e perchè?


I blog che abbiamo deciso di taggare sono:

MollyFF
I Segreti di una donna
ChiaraBeauty01
Unstoppable
Fiori di carta & violette
Il kaos dell'ammonite


Non vediamo l'ora di leggere le vostre risposte. Ringraziamo ancora Phonix Make up e Cherry Beauty Fashion.
Vi mandiamo un grosso bacio.
Al prossimo post.

BlackCherry & Lady8Dark

mercoledì 15 luglio 2015

Fun Fair Essence [Essence Limited Edition]



Ciao a tutti e bentornati sul blog. In questo nuovo post vorrei mostrarvi i prodotti della limited edition Fun Fair di Essence Cosmetics. Una collezione che racchiude proprio i tre elementi essenziali del luna park,fun fair per l'appunto: divertimento, colore e dolcezza.
Vediamo quindi quest'esplosione di dolcezza e divertimento nel dettaglio.


Baked Eyeshadow


Ombretto cotto wet & dry dalla texture morbida e setosa per un risultato 
luminoso. Disponibile nelle tonalità:
01 you're mint-blowing
02 be my marshfellow!
03 plump it up!


Lipstick

Rossetto sheer, disponibile in due nuance, per donare alle labbra un fresco tocco di colore.
01 ring around the rosy
02 sweetheart's sweet tooth


Blush

Blush cotto dalla texture morbida per un risultato fresco e salutare. Disponibile nelle tonalità:
01 ring around the rosy
02 sweetheart's sweet tooth


Shimmer Pearls

Per donare luminosità a viso e décolleté, la collezione offre queste perle illuminanti dalle diverse sfumature.


Nail Polish



I quattro smalti pensati per questa limited edition sono colorati, ad alta 
pigmentazione e...caramellosi. Ebbene si, profumano proprio di caramelle.
01 you're mint-blowing
02 be my marshfellow!
03 ring around the rosy
04 sweetheart's sweet tooth



Cotton Candy Nails


Per rendere ancora più particolare la vostra nail art, Fun Fair offre questa speciale polvere, in due diverse colorazioni, per un "effetto
zucchero filato" .
01 candylicious
02 sugar for my honey!


Lolly Hair Ties



L'accessorio pensato per questa collezione è questo simpaticissimo lecca-lecca contenente 10 coloratissimi eslastici per capelli.


Questi sono dunque tutti i prodotti di Fun Fair, che trovo davvero molto divertente. I prodotti che più mi piacciono sono i cotton candy e le perle illuminanti, ma come sempre sarà la prova dal vivo a determinarne la bellezza.
E voi cosa ne pensate? Fatemi sapere.
Vi abbraccio.

BlackCherry

lunedì 13 luglio 2015

Review Crema Ricca 24h Hydra Végétal Yves Rocher [Skin Care]



Buongiorno e bentornati sul blog. La review di oggi è dedicata alla crema ricca
idratazione intensa 24h della linea Hydra Végétal di Yves Rocher.
Procediamo con ordine iniziando dalle solite piccole info.

"Intensamente idrata per tutta la giornata, la pelle ritrova luminosità, morbidezza e confort duraturi. La texture fresca e fondente si applica mattina e sera su tutto il viso. Formula testata sotto controllo dermatologico."

Quantità: 50ml
Scadenza: 6m
Prezzo: 9.95€
INCI:



La crema è studiata per essere utilizzata sia di giorno che di notte ed è specifica per pelli da normali a secche. Avendo la pelle mista, non è esattamente il prodotto più adatto a me poiché enfatizzerebbe l'effetto lucido sull'intero viso, in particolare nella zona T.

Io però ho voluto acquistarla lo stesso perché incuriosita dalla sua funzione idratante e rinfrescante. E' opportuno, a questo punto, fare una piccola precisazione: per il mio tipo di pelle utilizzo due tipi di creme. Durante la stagione invernale necessito di un prodotto che idrati 24h la pelle, prevenendone gli arrossamenti. Con l'arrivo della bella stagione invece ho bisogno di un prodotto dalla texture leggera per il giorno e un altro super idratante per la notte.

E,come ho detto poc'anzi, sarebbe stato imprudente da parte mia applicare la crema ricca 24h la mattina, perché avrebbe idratato anche troppo il viso, essendo appunto studiata per le pelli secche.

Ho deciso quindi di utilizzarla solo come crema notte e sono rimasta veramente soddisfatta. Confermo quanto riportato sulla confezione. La texture è leggerissima e molto rinfrescante, perciò è doppiamente consigliata soprattutto durante la stagione estiva. Utilizzandola la sera, percepisco la sua azione idratante la mattina quando mi sveglio. Ho notato che, se applicata con costanza, la crema dona davvero maggiore morbidezza alla pelle del viso.

Questa è dunque la mia opinione sulla Crema Ricca Hydra Végétal di Yves Rocher. 

Mi auguro che la review vi sia stata utile.
Vi abbraccio.

BlackCherry

venerdì 10 luglio 2015

[Make Up - Limited Edition] Make me Pretty - Essence




Buongiorno e buon venerdì a tutti!
Mi scuso per l'enorme assenza di questi tempi ma purtroppo la tesi mi ha completamente assorbita e ho dovuto lasciare tutto in mano alla mia socia BlackCherry che ringrazio per l'enorme lavoro che ha fatto in questo periodo. Finalmente per me la discussione è stata fatta, laurea triennale conquistata e adesso posso dire di poter tornare a pieno regime con le recensioni che mi sono mancate un bel po'.
Anche perchè c'è da dire che ho acquistato qualche prodottino e ho avuto modo di testarlo in questi mesi.

Ma ciancio alle bande oggi parliamo della presentazione di una nuova linea in edizione limitata firmata da Essence. Niente palette, ombretti, lucidalabbra e blush...ma accessori e nello specifico i pennelli, quanto mai importanti nel nostro makeup. Certo, a volte sono meglio le dita ma alcuni brush sono fondamentali per una resa ottimale del trucco che vogliamo fare, soprattutto con modelli tascabili siamo anche capaci di portarceli in giro per sistemarci il trucco all'ultimo momento.
Essence ha pensato a creare una linea di pennelli per tutti tipi (occhi, viso e labbra) dal design colorato con dettagli bianchi che creano giochi sul manico dei pennelli, le setole sono colorate, sintetiche e vengono presentate sul sito come morbide, adatte per applicare i prodotti sul viso. Vediamo i prodotti più nel dettaglio:

-Pennello per ombretto piatto:
Adatto per applicare l'ombretto sulla palpebra e dare un effetto uniforme.


-Pennello per ombretto a punta:
Questo brush ha la forma a penna, leggermente arrotondato sulla punta per applicare l'ombretto in maniera precisa.


-Pennello per ombretto multiuso:
Forse la novità della collezione (ammetto di non averne mai visti in giro ma potrei anche sbagliarmi), all'interno di questo pennello sono presenti tre applicatori diversi: uno angolato per rifiniture agli angoli dell'occhio e creare smokey precisi, uno di spugna classico e uno a punta, per rifiniture ancora più precise. Gli applicatori possono essere combinati tra loro, ed è possibile anche portarli in giro per avere un pennello multiuso che sostituisce più pennelli.
                                               

-Pennello sopracciglia:
Due applicatori in uno. Il primo è la spazzolina per pettinare le sopracciglia, dall'altra parte invece il pennello per applicare le polveri per colorare, riempire e definire le sopracciglia stesse.

-Pennello labbra:
Pennello dall'applicatore piatto e a penna per una resa precisa del prodotto che permette anche di definire meglio in contorno labbra.

-Pennello per correttore:
Applicatore tondo e piatto che permette di stendere al meglio il prodotto e modulare la texture di resa.

-Pennello polveri:
L'applicatore ampio e morbido permette di applicare sul viso qualsiasi tipo di polvere, dalla cipria alla terra per poi passare anche all'illuminante. 

-Pennello angolato per Blush:
Il taglio angolato del pennello permette di adattarsi allo zigomo così da poter stendere ed uniformare l'applicazione del blush. Ideale per ombreggiare e modellare i contorni del viso.

-Pennello per bronzer:
Pennello per applicare la terra e ideale per il contouring.

Finiti i pennelli abbiamo anche due accessori. Il primo è un portapennelli, ideale sia per portare i propri pennelli in giro (o in viaggio) oppure per tenerli ordinati. Il portapennelli è dotato di coperchio, che mantiene i pennelli stessi coperti dalla polvere.

Non poteva mancare in ultimo un prodotto per la pulizia dei pennelli, il Liquid Brush Cleanser, dalla formula che permette la rimozione del trucco dalle setole dei pennelli in maniera efficace e veloce. La boccetta è dotata di cappuccio e applicatore spray.

E con questo abbiamo finito la presentazione di questi prodotti che potete vedere nel dettaglio cliccando QUI (il sito è in tedesco ma spero che lo vedremo presto in Italia). Che dire di questa collezione? Mi piace molto il packaging colorato e sono contenta che Essence si sia lanciata nella creazione di una linea tutta sui brush, accessori indispensabili soprattutto quelli per gli ombretti, utili per rese più "professionali" e precise rispetto alle dita. Personalmente mi piace molto il pennello angolato per i blush e i pennelli per ombretto che spero di vedere dal vivo prima dell'arrivo delle cavallette in negozio...La collezione dovrebbe uscire tra Agosto e Settembre.
E voi avete adocchiato qualche prodotto che potrà piacervi? Cosa ne pensate di tutta la collezione? Come sempre fateci sapere e noi ci ritroviamo alla prossima recensione!

L8D

mercoledì 8 luglio 2015

Eudeamon di Erika Moak [Book]


Ciao a tutti e bentornati sul blog. Dopo tanto tempo torno a pubblicare una nuova recensione letteraria. L'estate è il periodo dell'anno in cui si ha maggior tempo da dedicare, tra le altre cose, anche alla lettura. Cercheremo quindi nei prossimi giorni di pubblicare più recensioni possibili e di riproporvi quelle passate, in modo da potervi dare un'idea per le vostre letture estive.
Il romanzo scelto per la recensione di oggi è Eudeamon, un thriller fantascientifico scritto da Erika Moak.

Trama

"Questo romanzo racconta una storia di prigionia volontaria che diventa l'estasi d'amore di un'anima sola. Nell'immaginaria città di Eudemonia, i criminali possono scegliere di scontare la loro pena in una sorta di prigione mobile -il banesuit - il cui perimetro è dato da una seconda pelle che li isolerà dal mondo. Katrina Nichols, una giornalista caparbia e coraggiosa, decide di avviare un'inchiesta per verificare se non si tratti di una punizione disumana e ingiusta. Riesce a scambiare la propria identità con una ragazza in procinto di essere condannata e diventa così un Bane, un detenuto che vaga indisturbato ma che percepisce il mondo solo attraverso la voce del suo Custodian. Eppure, in quell'isolamento, qualcuno le insegnerà l'Amore, quello stato di grazia dirompente che frangerà gli argini del passato. Attraverso la sua protagonista, Erika Moak traccia un viaggio malinconico come il riflesso più nitido dei nostri desideri, delle nostre fantasie e dei mille condizionamenti che ci impediscono di manifestare pubblicamente quello che siamo. "Eudeamon" ci condanna a condividere i doni più straordinari della vita. Prendono il nome di una stagione commovente e piena di gioia che valica l'elaborazione del lutto, il desiderio di vendetta e, in ultima analisi, l'amore per il Prossimo."


Ho acquistato questo libro perchè incuriosita dal titolo stesso. Leggendo poi la sinossi ho capito che si trattava di un romanzo fantascientifico, un genere che io non prediligo. Nonostante ciò ho voluto lo stesso cimentarmi nella lettura proprio perchè mi interessava scoprire come una prigionia disumana potesse portare alla piena conoscenza di se stessi e di ciò che ci circonda.

Penso si possa definire Eudeamon un romanzo fuori dall'ordinario. Leggendo la trama si può immediatamente notarne la particolarità. Vi è appunto questa città, Eudeamonia, nella quale viene sperimentata una nuova tipologia di punizione per i criminali,ovvero il banesuit. Il banesuit non è obbligatorio. Il condannato può decidere se scontare la sua pena in una normalissima prigione oppure tra la gente attraverso il banesuit che consiste in una tuta di lattice nero che oltre a non lasciare nulla all'immaginazione, non permette alcun tipo di comunicazione con il mondo esterno. 
Non vi è quindi comunicazione verbale, scritta, elettronica con il prossimo, non vi è possibilità di visitare luoghi pubblici, nè di entrare in contatto con denaro.
In sostanza il condannato che sceglie questo tipo di punizione non può più fare niente e questa di per sé è già una vera e propria agonia alla quale si aggiunge il Custodian, un'intelligenza artificiale che viene impiantata nel cervello del bane e fa si che quest'ultimo non commetta infrazioni durante la detenzione. Qualora il bane dovesse infrangere qualche regola, il Custodian emetterà impulsi al cervello che porteranno immediato dolore fisico al bane.

Ed è qui che entra in gioco Katrina, la protagonista del romanzo.
Katrina è una giornalista motivata a conoscere la vera faccia di questa punizione e per farlo dovrà testarla sulla propria pelle. Ciò che davvero incuriosisce Katrina sono due aspetti del banesuit. Principalmente vuole rendersi conto fino a che punto possa essere disumana questa punizione proprio per poter realizzare un articolo di denuncia. Ma ciò che davvero la convince a intraprendere questa strada sono alcuni episodi verificatisi con alcuni detenuti che hanno scelto il banesuit.
Pare infatti che a pochi giorni dalla fine della loro pena, questi detenuti commettano volontariamente un'infrazione che porta automaticamente un prolungamento della loro detenzione all'interno del banesuit. Essendo quest'ultimo una tortura sia fisica che psicologica, Katrina si chiede per l'appunto cosa spinga il condannato a voler volontariamente prolungare tale tortura.

E qui mi fermo perchè non voglio svelare altro. Ho già detto anche troppo e spero di avervi incuriosito in qualche modo.

Erika Moak presenta una storia semplice ma atipica che presenta molti spunti di riflessione. Personalmente considero Eudeamon un romanzo geniale.
L'autrice aveva proposto il suo lavoro a diverse case editrici che però l'hanno respinto. Erika Moak ha dovuto quindi pubblicarlo gratuitamente online ma ciò le ha conferito maggiore visibilità e la pubblicazione in Italia tramite la casa editrice Zero91. Ignoro i motivi che hanno spinto le altre case editrici a rifiutare Eudeamon, perchè a mio modesto parere ha tutte le caratteristiche per essere considerato un ottimo romanzo di fantascienza.
Vi sono paura, odio, orrore, ma anche amore e speranza. Mixati tra loro,questi elementi rendono Eudeamon un libro interessante e coinvolgente.
Al termine della lettura è inevitabile porsi qualche domanda non solo su ciò che tormenta l'uomo nelle profondità della sua anima, ma anche sulla società attuale e su come essa potrà diventare in un prossimo futuro.

BlackCherry

venerdì 3 luglio 2015

DRAW MY...LIPS: Rossetto I'M 306 Red Pop Pupa [Make Up]



Buongiorno e bentornati sul blog. La review di oggi è dedicata ad un rossetto della linea I'M di PupaSi tratta della tonalità 306 Red Pop, un magnifico rosso intenso. Prima di tutto vorrei darvi qualche piccola info generale sull'intera linea di rossetti I'M.

"I’m esalta le labbra con una nuova dimensione del colore e una luminosità mai vista prima!Intenso e puro è il rossetto che dalla prima applicazione definisce le labbra con un colore luminoso e altamente pigmentato per un risultato impeccabile. Texture morbida, leggera e fondente che aderisce perfettamente per un effetto piuma e un comfort assoluto.Disponibile in 40 colori irresistibili per cambiare look con un solo gesto!"

Quantità: 3.5g
Scadenza: 24m
Prezzo: da 10.90€ a 13.50€ (a seconda del punto vendita)
Reperibilità: Profumerie, Coin, OVS, Tigotà, Acqua e Sapone
INCI 


Ho acquistato questo rossetto lo scorso anno grazie ad una promozione Pupa che permetteva di pagare il prodotto 5€ anzichè 12.90€
Qui di seguito potete vedere alcune foto della tonalità 306 alla luce naturale.





Il rossetto ha una texture cremosa che rende l'applicazione semplice e confortevole. La caratteristica che più amo di questo rossetto è che non crea le antiestetiche screpolature sulle labbra. In passato mi è capitato, soprattutto con rossetti intensi, di dover necessariamente applicare un lip base. Con questo rossetto non sento il bisogno di fare questo step del make up. Il colore resta intenso ed uniforme a lungo senza sbavature. Come ho già detto il prodotto non secca le labbra, ma è comunque opportuno idratarle ed ammorbidirle, dopo lo struccaggio, con un buon burrocacao. 
Va inoltre sottolineato il packaging semplice ed elegante che Pupa ha pensato per questa linea di rossetti.

Questa è dunque la mia opinione. Vi ricordo che si basa solo ed esclusivamente sulla tonalità 306 red pop. Spero che la review vi sia stata utile.

Vi abbraccio.

BlackCherry



mercoledì 1 luglio 2015

Review Crema Mani Nutriente Giardino Cosmetico [Hand Care]


Bentornati sul blog. Eccomi qui con una nuova review dedicata ad un prodotto di una marca ormai per me immancabile. Sto parlando di Giardino Cosmetico.
Il prodotto in questione è la crema mani nutriente

"Questa formula, in linea con i criteri della moderna Bio-cosmetica, nutre la 
pelle inaridita ed affaticata dai continui stress ambientali. Contiene estratto di 
Malva del Piemonte, Burro di Karitè e Vitamina C."

Quantità:75ml
Scadenza:12m
Prezzo: 3.90€
Reperibilità: Supermercati Crai, Ipersoap
INCI: elenco preso dal sito Saicosatispalmi




Di tutti i prodotti Giardino Cosmetico che ho provato,questo è l'unico che non 
mi ha fatta impazzire. Con questo non voglio dire che non sia una buona crema mani,al contrario. Idrata molto bene la pelle lasciandola morbida e profumata. 
Capita però a volte che un prodotto, per quanto sia buono, non conquisti 
completamente una persona perchè manca quel "certo non so che". Ecco, questo è uno di quei casi. Tra me e questa crema non è scoccata la scintilla.

Questa in definitiva è una breve review nì, pertanto non mi sento né di consigliare, né sconsigliare questo prodotto. Come ho già detto è un buon prodotto, solo che non ha lasciato il segno.

Spero che la review vi sia stata ugualmente utile. 
Vi abbraccio

BlackCherry

About Author

Footer